È il più importante tra gli organi collegiali della scuola, responsabile dell'impostazione didattico-educativa, in rapporto alle particolari esigenze dell'istituzione scolastica e in armonia con le decisioni del consiglio di istituto.

Al collegio dei docenti competono:

  • l'elaborazione del Piano triennale dell'offerta formativa (P.T.O.F.);
  • le deliberazioni su:
    • programmazione educativa;
    • adeguamento dei programmi d'insegnamento alle particolari esigenze del territorio e del coordinamento disciplinare;
    • iniziative per il sostegno di alunni disabili e stranieri;
    • innovazioni sperimentali di autonomia relative agli aspetti didattici dell'organizzazione scolastica;
    • piano annuale delle attività di aggiornamento e formazione;
  • la scansione temporale ai fini della valutazione degli alunni;
  • l'adozione dei libri di testo, su proposta dei consigli di interclasse o di classe e la scelta dei sussidi didattici;
  • la valutazione periodica dell'andamento complessivo dell'azione didattica;
  • le proposte per la formazione delle classi, assegnazione dei docenti e orario di lezioni;
  • i pareri su iniziative per l'educazione alla salute e contro le tossicodipendenze;
  • l'elezione dei propri rappresentanti nel consiglio di circolo o di istituto;
  • l'elezione dei docenti che compongono il comitato per la valutazione del servizio degli insegnanti;
  • l'identificazione e attribuzione di funzioni strumentali al P.T.O.F.

Il collegio dei docenti è composto da tutti i docenti, in servizio nell'istituto, ed è presieduto dal capo di istituto. Funge da segretario un docente designato dal dirigente.

Torna su